L’integrazione vince gli Oscar

, Single Post Template

Oscar per il miglior film a “Green Book” di Peter Farrelly

Don Shirley era destinato a fare strada. L’interpretazione che Mahershala Ali ha dato del personaggio gli è valsa la statuetta come miglior attore non protagonista. L’Oscar che, assieme a quello per miglior film, ha portato Green Book sul palco della 91esima edizione degli Oscar. Porta sul palco il racconto di un uomo che ha sfidato, attraverso la musica, la segregazione razziale nell’America degli anni Sessanta.

L’integrazione vince agli Oscar. E non solo attraverso le statuette consegnate a Green Book. Ma anche grazie al discorso di Rami Malek. L’attore di origini egiziane ha vinto l’Oscar come miglior attore protagonista per la sua interpretazione di Freddie Mercury in Bohemian Rhapsody. E nel discorso di ringraziamento ha sottolineato di essere «figlio di immigrati egiziani, americano di seconda generazione, non ero la scelta più ovvia ma a quanto pare ha funzionato». Malek ha poi sottolineato che «abbiamo fatto un film su un uomo gay immigrato. Abbiamo bisogno di più storie come questa».

Il favorito Roma, di Alfono Cuaron, porta a casa tre statuette. A lui vanno l’Oscar per la miglior regia, la miglior fotografia e come miglior film straniero.

16 comments
Redazione
ADMINISTRATOR
PROFILE

Posts Carousel

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *

16 Comments

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos