Cerca
, Single Post Template

Il Muro della solidarietà

A Sant’Anastasia, in provincia di Napoli, si posso donare abiti in anonimato

Non solo a Bari e Bologna. Il Muro della solidarietà arriva anche in provincia di Napoli. A Sant’Anastasia è stato inaugurato lo scorso 24 marzo grazie all’impegno dell’associazione Love for Sant’Anastasia. Le persone avrebbero dovuto appendere gli abiti da donare ai più bisognosi ad ogni ora del giorno. Come succede nelle altre città. Non è così nella cittadina nolana. Come l’associazione ha reso noto attraverso un cartello sul muro che recita che «ci sono persone poco corrette che raccolgono tutto e lo vendono».

A raccontarlo è il presidente di Love for Sant’Anastasia, Mimmo De Simone, che racconta che «siamo stati i secondi nel sud Italia, dopo Bari, ad istituire il Muro della solidarietà. Abbiamo da subito avuto una forte vicinanza della popolazione. Purtroppo però è nato quasi subito un fenomeno lucrativo. Le persone venivano di notte, prendevano gli abiti e li rivendevano». Dopo numerose segnalazioni dell’accaduto da parte di cittadini, documentate anche attraverso dei video «abbiamo deciso di chiedere alle persone di depositarli nei pomeriggi in cui l’associazione è aperta. Cerchiamo – aggiunge De Simone – di lasciarli poco sul muro per evitare i fatti che si sono verificati in passato».

I giorni in cui l’associazione fa sportello sono martedì e giovedì dalle 16.30 alle 18.30. Gli altri pomeriggi la sede ospita però altre associazioni e anche in quei casi è possibile lasciare un vestito, una coperta o un paio di scarpe per gli indigenti. Lo stesso vale per i messaggi in pieno anonimato da poter lasciare nella “cassetta solidale” che si trova lungo il muro. L’associazione poi provvederà a soddisfare le richieste.

Il Muro della solidarietà in sei mesi «ha permesso di assistere centinaia di famiglie. Sulla nostra pagina Facebook segnaliamo tutte le donazioni ricevute», sottolinea Mimmo De Simone. Non solo abiti, ma anche passeggini, giocattoli. E non solo da San’Anastasia. L’associazione è diventata una sorta di centro di accoglienza delle donazioni anche dai comuni limitrofi come Somma Vesuviana, Pollena Trocchia, Volla, Acerra.

Redazione
ADMINISTRATOR
PROFILE

Posts Carousel