Savona, insulti razzisti a 14enne

, Single Post Template

I fatti si sono verificati nel corso di una partita del campionato Giovanissimi provinciale

Una partita del campionato Giovanissimi provinciale di Savona è salata agli onori della cronaca per gli insulti razzisti a un 14enne. Il ragazzo, portiere del Priamar, non si è scomposto. Quegli insulti forse sono stati linfa per disputare una partita migliore. Infatti la sua squadra è riuscita a portare via un pareggio in casa della Cairese anche grazie alle sue parate. L’episodio ha costretto il direttore di gara, Cinzia Oliva della sezione di Savona, a interrompere la partita in due occasioni volte il match

Gli episodi di razzismo sono tali e vanno stigmatizzati. Il direttore generale della Priamar, Roberto Ferrero, ha espresso la propria «vicinanza a tutti i ragazzi in campo che hanno vissuto una brutta giornata. Purtroppo un gruppo di giovani forse della stessa età di chi era in campo, ha esagerato. Il tifo è degenerato in insulti pesantissimi e anche discriminazione razziale nei confronti del nostro portiere», ha raccontato a Il Secolo XIX.

Anche la dirigenza della squadra di casa ha condannato i fatti, dicendo, attraverso le parole del dg, Franz Laoretti, che «condanno fermamente il gesto e chiedo scusa a nome della società e mio personale alla Priamar e al ragazzo. Nessuno deve permettersi di discriminare un’altra persona, ragazzo o adulto, per il colore della pelle».

Il quotidiano ligure ha raccolto anche la testimonianza della madre del giovane calciatore, la quale ha raccontato che già l’accoglienza non era stata delle migliori. Gli avversari hanno infatti esposto striscioni molto offensivi.

Redazione
ADMINISTRATOR
PROFILE

Posts Carousel

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos