A Tokyo 2020 la squadra di atleti rifugiati

, Single Post Template

Il Comitato paralimpico internazionale selezionerà gli atleti con il supporto dell’Unhcr

Dalle prime Olimpiadi moderne nel 1896, oltre 200 team nazionali hanno gareggiato nelle competizioni. Alle Olimpiadi di Rio 2016 per la prima volta è stata selezionato una squadra di rifugiati. A rappresentarla due nuotatori siriani, due judoka della congolesi, sei corridori etiopi e sudanesi. Una squadra olimpica di rifugiati parteciperà anche alle Olimpiadi di Tokyo 2020, che si terranno la prossima estate causa pandemia.

ASCOLTA L’INTERVISTA ALL’ATLETA PARALIMPICO DAVIDE OBINO

A Rio gareggiarono anche due richiedenti asilo paralimpici, il siriano Ibrahim Al Hussein nel nuoto e l’iraniano Shahrad Nasajpour nel lancio del disco. Alle Paralimpiadi di Tokyo 2020 sarà presente, per la prima volta, una selezione di atleti rifugiati. Il Comitato paralimpico internazionale selezionerà gli atleti che gareggeranno in Giappone dal 24 agosto al 5 settembre 2021 con il supporto dell’Unhcr. La squadra sarà formata da un massimo di sei atleti. Capo delegazione sarà l’ex rifugiata Ileana Rodriguez, nuotatrice paralimpica ai Giochi di Londra 2012.



SULLO STESSO ARGOMENTO POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE:

Nasce divisione paralimpica di calcio

Nasce il centro nazionale paralimpico

Redazione
ADMINISTRATOR
PROFILE

Posts Carousel

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos