Un muro della memoria online

, Single Post Template

I Remember Wall è stato voluto dallo Yad Vashem, il World Holocaust Remembrance Center di Gerusalemme

Sono 15 milioni le vittime della Shoah. Ebrei, rom, sinti, disabili, oppositori politici. Tra loro c’è anche David Berger, un ragazzo ucciso in Lituania all’età di 19 anni. Nella sua ultima lettera del 1941 scrisse che avrebbe voluto che qualcuno ricordasse che era vissuto. David Berger e altre vittime dell’Olocausto saranno ricordate. Non solo il 27 gennaio, in occasione della Giornata della Memoria. Queste persone potranno essere ricordate ogni giorno. Le loro storie potranno essere custodite da altrettante persone che vogliono mantenere vivo il ricordo. Sarà possibile grazie al I Remember Wall, il Muro del ricordo online voluto dallo Yad Vashem, il World Holocaust Remembrance Center di Gerusalemme.

Nel database dello Yad Vashem sono presenti i nomi di oltre 4,8 milioni di vittime dell’Olocausto. Questo progetto permette di ricordare una vittima specifica, vedere la sua foto. Conoscere e diffondere la sua storia. Gli iscritti hanno già superato quota 13 mila. La maggior parte da Germania e Israele. Dal’Italia sono oltre 800 le iscrizioni. Un’iniziativa da ricordare, soprattutto a 76 anni dal 27 gennaio 1945, quando le truppe sovietiche dell’Armata Rossa abbatterono i cancelli di Auschwitz.

Ciro Oliviero



SULLO STESSO ARGOMENTO POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE:

Rom una delle comunità più discriminate

Napoli, installate 9 pietre d’inciampo

Berlino, il memoriale di sinti e rom

Redazione
ADMINISTRATOR
PROFILE

Posts Carousel

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Skip to content