A Mestre la mensa che non spreca

, Single Post Template

Da gennaio i volontari hanno recuperato 8.400 chili di cibo da 15 scuole diverse di Mestre

Il 59 per cento degli italiani spreca ancora troppo cibo. Numeri impressionanti. Ma c’è chi prova a recuperare quelle eccedenze alimentari e dare loro una seconda vita. Come nel caso del progetto La mensa che non spreca. Un modello di recupero e ridistribuzione delle eccedenze alimentari delle scuole di Mestre, a favore di persone in situazioni di fragilità sociale ed economica. Il progetto è stato ideato e realizzato dal Csv di Venezia, insieme al Comune di Mestre e ad Ames.

LEGGI ANCHE: La birra fatta col pane invenduto

Circa 20 i volontari di Auser Venezia e Anvolt Mestre coinvolti. Da gennaio sono stati recuperati 8.400 chili di cibo da 15 scuole diverse di Mestre, trasformati in 180 pasti al giorno distribuito nelle mense di Casa dell’Ospitalità e Frati Cappuccini. Il progetto è stato sposato anche da Bsh, azienda parte del Gruppo Bosch, che ha donato frigoriferi e freezer.

@dalsociale24

Redazione
ADMINISTRATOR
PROFILE

Posts Carousel

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos

Skip to content