5114 lavoratori irregolari in agricoltura

, Single Post Template

Dalle ispezioni del 2018 un tasso di irregolarità di circa il 54,79 per cento

Dalle 7.160 ispezioni del 2018 contro il caporalato in agricoltura sono stati scoperti 5100 lavoratori irregolari. Un tasso di circa il 54,79 per cento. Nell’anno precedente era stato del 50 per cento. 263 dei lavoratori a nero sono cittadini extracomunitari sprovvisti di permesso di soggiorno. Questi i numeri contenuti nel rapporto annuale dell’Attività di vigilanza in materia di lavoro e legislazione sociale.

Danilo Papa, della Direzione Centrale Vigilanza dell’Inl, ha sottolineato che si tratta di «risultati importanti, e grazie a una importante concentrazione delle forze ispettive su questo fronte, in particolare dei militari dell’Arma dei carabinieri».

Nel 2018 sono stati 299 persone le persone deferite alle autorità giudiziarie. Di queste 56 sono state arrestate. Un aumento del 220 per cento rispetto alle 94 del 2017. In aumento anche le segnalazioni di attività di caporalato. Le regioni con maggiori segnalazioni risultano Campania, Puglia, Lombardia, Lazio, Toscana, Emilia Romagna. Oltre al settore dell’agricoltura resta forte la presenza di lavoro a nero nei servizi di alloggio e nella ristorazione.

Alla presentazione del rapporto anche il sottosegretario al Lavoro Claudio Cominardi, il quale ha sottolineato che «questo Governo, tra i primi atti, ha istituito il tavolo permanente di contrasto al caporalato. Una misura fortemente voluta da Luigi Di Maio e vedendo i dati prospettati si vede un cambio di tendenza».



SULLO STESSO ARGOMENTO POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE:

Sfruttamento immigrati al nord

Caporalato, il lavoro di Mohamed Saady

Caporalato, intervista a sindaco Latina

Redazione
ADMINISTRATOR
PROFILE

Posts Carousel

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos