Napoli, Comune non paga assegno di cura

, Single Post Template

La denuncia di Fish Campania

Le persone con disabilità che vivono a Napoli hanno ricevuto l’ultimo assegno di cura nel giugno 2019. Dodici mesi fa. Risorse che alle famiglie delle persone con disabilità servono per garantire loro i diritti. Per garantire una continuità assistenziale 24 ore al giorno. «Bisogni per i quali queste persone non possono attendere altri 12 mesi. La situazione è diventata insostenibile», ha sottolineato il presidente di Fish Campania Daniele Romano.

Nei giorni scorsi Fish ha inoltrato una richiesta di incontro al sindaco ed all’assessore alle Politiche sociali per discutere dei ritardi. Ad oggi la federazione non ha ricevuto risposta. Questa mattina si riunisce la commissione consiliare per le Politiche sociali. Il ritardo nell’erogazione dei pagamenti degli assegni di cura è tra i temi all’ordine del giorno. Alla riunione prenderà parte anche l’assessore alle Politiche sociali Monica Buonanno.

Nei mesi scorsi la Regione Campania ha provveduto a liquidare al Comune di Napoli le risorse che servono per pagare gli assegni di cura. «Non riusciamo a capire il perché di questi ritardi. Forse, come ci è stato detto da qualche dirigente in maniera informale, è perché ad oggi il Comune di Napoli ancora non ha approvato il bilancio consuntivo», ha dichiarato il presidente di Fish Campania.

Fish Campania ha lanciato un appello ai consiglieri comunali di maggioranza e di opposizione. «Devono farsi carico di questa drammatica situazione affinché si arrivi ad una soluzione in tempi brevi, perché non possono essere sempre le persone con disabilità e le loro famiglie a pagare le conseguenze, soprattutto non possono essere le norme di bilancio a ledere i diritti delle persone con disabilità. Ci auguriamo – ha detto Romano – che arrivi una risposta altrimenti saremo costretti ad agire per vie legali».

Redazione
ADMINISTRATOR
PROFILE

Posts Carousel

Latest Posts

Top Authors

Most Commented

Featured Videos